Finalmente possiamo dirlo ad alta voce: il nostro settore minibasket è ripartito!

Dopo oltre un anno di stop dovuto alla pandemia, grazie alla tenacia ed alla voglia degli istruttori Francesca, Luca, Tommaso e Francesca, coadiuvati da Dino Albertoni, coordinatore delle attività giovanili, e da Luca Baroni, responsabile tecnico del settore giovanile, questa settimana si è svolto il MiniCamPizzi.

“Ci tenevamo tantissimo” commenta Dino Albertoni “per i ben noti problemi non abbiamo potuto fare il solito camp a Folgaria ma non ci siamo persi d’animo, non abbiamo mollato ed abbiamo studiato questa nuova formula per permettere ai bambini di tornare a divertirsi insieme programmando le attività sulle intere giornate rispettando tutti i protocolli vigenti; ne è uscita una settimana davvero bella e divertente che speriamo sia la premessa per una stagione minibasket altrettanto stimolante”.

Cinque giorni in cui ventisette tra bambini e bambine si sono cimentati in giochi e momenti di basket presso la palestra e l’oratorio di Regona, mangiando insieme grazie alla collaborazione con la trattoria “La Pesa” di Regona e sperimentando anche diverse attività collaterali.

Con l’arte terapeuta Sara Sghirinzetti è stato sviluppato il progetto “A Caccia di Suoni”, in cui i bambini si sono trasformati in cacciatori di suoni e di texture per ricreare in palestra il loro bosco sonoro, mentre il progetto “Pre.di.spo.ne” della Fipsas ha portato i nostri mini atleti presso il lago Segugio, dove gli istruttori Angelo e Lorenzo hanno dato alcune nozioni ittiche ed insegnato ai bimbi a pescare.

“Questo per noi è un punto di partenza per la stagione che sta per iniziare” analizza Luca Baroni “onestamente la cosa che mi è mancata di più in questi lunghi mesi è stato vedere la felicità negli occhi dei bambini, a questa età sono naturalmente portati a stare insieme, permettergli di tornare a farlo è stata una soddisfazione enorme; il nostro obiettivo è cercare di far appassionare al basket questa fascia di giovanissimi e posso tranquillamente affermare che questo minicamp è stato un successo”.