Nello splendido Bocconi Center la Mazzoleni Pizzighettone scrive una nuova meravigliosa pagina della sua storia vincendo la semifinale con un secco 2-0 ed approdando alla finalissima che metterà in palio la promozione in Serie B.

I biancoblu di coach Giubertoni conducono il match praticamente dall’inizio alla fine regalando sprazzi di gran bel gioco e la solita, granitica difesa che dal secondo quarto in poi chiude ogni varco ai padroni di casa permettendo a Pedrini & Co. di acquisire un vantaggio sempre più ampio fino al +27 finale.

Il primo quarto vede subito scatenarsi Manini e Bassani, che in tandem segnano i primi dodici punti biancoblu, Bocconi tiene il passo grazie al tiro da fuori, Ndiaye con la schiacciata in contropiede trova il primo strappo sul +6, subito ricucito dai padroni di casa grazie al totem Cefarelli; Manini è totalmente ingestibile per la difesa di casa, Ndiaye prima colpisce dalla media poi regala un cioccolatino per Severgnini, Guarise e Santolamazza tengono in partita i milanesi ed il finale se lo prende, manco a dirlo, Manini con un canestro dei suoi che scrive 22-18 per chi viaggia.

Si riparte ed il Manini show prosegue con altri cinque punti intervallati dai canestri del duo Bordi-Cefarelli, Pizzi trova il +5 grazie ai tiri liberi ma Santolamazza, trentanove anni di talento sconfinato, probabilmente all’ultima partita in carriera, festeggiatissimo dai compagni a fine gara, tiene attaccati i suoi con un canestro da sotto; si iscrive ufficialmente al match anche Jelic con una tripla, specialità della casa, Foresti dalla lunetta e Pairone con l’and one toccano il +9, ancora Foresti segna a cronometro fermo e poi regala a Bassani l’assist per il canestro che manda all’intervallo lungo sul 43-30 per i grifoni.

La terza frazione si apre con il break di 6-0 dei padroni di casa, la Mazzoleni non si scompone, sale in cattedra Ndiaye con un’entrata pazzesca e due liberi, Pairone segna prima dalla media poi sfruttando l’assist al bacio di Belloni e Bassani ci mette due liberi che significano +17; la difesa biancoblu diventa letteralmente invalicabile, il quarto fallo di Santolamazza sa tanto di sentenza per Bocconi, che trova solo due liberi di Cefarelli per muovere il punteggio, subito sistemato dal cecchino Jelic che dall’arco chiude il quarto sul 56-38.

Il monologo biancoblu prosegue in avvio di quarta frazione, con Jelic a scrivere +20, Manini spara una tripla senza senso seguita da due liberi, Jelic continua la sua personalissima storia d’amore con i canestri del Bocconi Center infilando la sua terza bomba di serata ed è il +30 che di fatto chiude la partita; con ancora cinque minuti sul cronometro il Pizzi arrotonda dalla lunetta e la chiude sul 75-48 festeggiando così la meritatissima conquista della finale promozione che la vedrà opposta a Busto Arsizio a partire da domenica 19 giugno.

Applausi a scena aperta per una Mazzoleni Pizzighettone che raggiunge un obiettivo importantissimo, seconda finale negli ultimi tre campionati giocati, cui si aggiunge la tiratissima semifinale dello scorso anno, tutte con coach Giubertoni alla guida; al netto dello straordinario gruppo di ragazzi che vestono il biancoblu, è giusto dare i dovuti meriti al loro condottiero, uomo tutto d’un pezzo, mai sopra le righe, fedele al proprio credo cestistico, capace non solo di sfruttare al meglio le caratteristiche dei propri giocatori ma anche di migliorarli sotto ogni aspetto.

BOCCONI: Pellicciari, Bondioli 3, Bordi 4, Santolamazza 14, Guarise 3, Guida, De Dominicis, Di Rauso 6, Merci 3, Piatti 2, Coraini, Cefarelli 13.  All. Favero

MAZZOLENI PIZZIGHETTONE: Pedrini 3, Ndiaye 8, Severgnini 2, Belloni, Bassani 12, Foresti 10, Biondi, Tolasi, Pairone 8, Manini 20, Jelic 12.  All. Giubertoni

Mvp: Manini

Note: Antisportivo Pairone (22), Merci (32′), Cefarelli (35’).