È il giorno di Pizzi-Sanse, ormai grande classico della categoria, tra due società da sempre amiche, pronte a darsi battaglia sul parquet per quaranta minuti che promettono spettacolo; bellissimo il clima in campo, fatto di agonismo, voglia di vincere, fisicità ed atletismo ma soprattutto, tanto, tantissimo rispetto tra i giocatori, quello che rende il basket lo sport più bello del mondo e “se non vi piace, mi dispiace” (cit.).

Vince la contesa Olivieri ma subito Ndiaye ruba e vola a schiacciare, Foresti dalla lunga ed ancora Ndyaye con il suo classico canestro dalla media scrivono 7-2 per la Mazzoleni, reagisce la Sanse con la bomba di Marelli ed il canestro di Boccasavia per il -2, il tandem Belloni-Foresti è ispiratissimo e produce un break di 7-0 che costringe coach Vencato al timeout; al rientro Mascadri regala un cioccolatino che Olivieri deposita dolcemente in fondo alla retina, Foresti ne piazza altri cinque inframmezzati dai due di Bassani, reazione dei meningreen con un 5-0 a firma Olivieri-Speronello, risponde il Pizzi con il duo Ndiaye-Manini poi è pioggia di triple da una parte e dall’altra, con il punto esclamativo messo da Pairone per il 34-20 di fine primo quarto.

Riparte fortissimo la Mazzoleni con un caldissimo Manini che centra il bersaglio grosso dalla lunga distanza, Belloni infila un gioco da tre e Pairone segna da sotto, Mascadri scuote i suoi con una tripla, Manini rende il favore ma la Sanse reagisce di puro orgoglio grazie al gioco da tre di Boccasavia ed alle bombe di Marelli ed Ariazzi per un secco 11-1; la sberla risveglia i biancoblu che ritrovano la via del canestro con Ndiaye e Jelic ma la Sanse è totalmente in gas, cavalca il talento dello scatenato Marelli (18 per lui) e torna a -6 con la bomba di Boccasavia mentre il libero di Bassani chiude la seconda frazione sul 54-47.

Al rientro sul parquet torna a ruggire il Pizzi con Bassani e Ndiaye, si alza nettamente l’intensità, Marelli infila dalla media ma l’onda biancoblu è travolgente, cinque filati di Belloni, contropiede di Foresti e and one di Bassani valgono un secco 10-0, controbreak ospite con la schiacciata di Olivieri e l’acrobazia di Mascadri e la partita diventa bellissima; altro sussulto dei padroni di casa guidati dall’incontenibile Ndiaye e chiuso dal contropiede di Manini, Olivieri e Boccasavia tornano a muovere il punteggio per Cremona, Belloni regala un autentico pezzo di bravura ed il terzo quarto va in archivio sul 76-61.

Non molla la presa la Sanse che parte forte con il gioco da tre di Boccasavia ed il canestro di Olivieri, risponde Severgnini con canestro e fallo, Belloni spara una bomba e Foresti insacca da sotto, Boccasavia è indemoniato ed infila l’ennesima tripla della sua pazzesca partita poi ecco il botta e risposta tra i totem Bassani ed Olivieri da sotto e Jelic-Ariazzi dall’arco; Mascadri corre in transizione, Pairone segna da sotto, ancora Mascadri va con l’and one, si iscrive a referto anche Tolasi seguito a ruota da Jelic, gli ospiti si aggrappano al monumentale Marelli (saranno 26 alla fine per lui) ed alla verve di Mascadri ma il Pizzi non trema e con i liberi di Foresti chiude il match sul 101-90.

Vince dunque la Mazzoleni Pizzighettone che si conferma assoluta regina del girone, toccando quota 13 vittorie in altrettante partite, portando sei uomini in doppia cifra con un meraviglioso Francesco Belloni a comandare le operazioni; dall’altra parte onore al merito ad una Sanse volitiva ed arrembante, capace di restare aggrappata al match anche nei momenti difficili, guidata dalla prova monstre di Davide Marelli.

MAZZOLENI PIZZIGHETTONE: Ndiaye 14, Severgnini 3, Belloni 18, Bassani 14, Foresti 19, Biondi ne, Pagetti ne, Mainardi, Tolasi 4, Pairone 7, Manini 11, Jelic 11. All. Giubertoni

I. TEDEACHI SANSEBASKET: Feraboli, Marelli 26, Secci ne, Risari ne, Molo ne, Penna ne, Ariazzi 6, Boccasavia 19, Olivieri 15, Marchetti 5, Mascadri 16, Speronello 3. All. Vencato

MVP: Belloni

Note: antisportivo Marelli (40’).