PIZZIGHETTONE 55

SAFCO GALLARATE 53

MAZZOLENI PIZZIGHETTONE: Foti 10, Pedrini 11, Bertuzzi, Severgnini 5, Montanari, Casali 11, Cipelletti, Lugic 14, Gerli 2, Baldrighi, Gaadoudi 2, Roberti. All. Giubertoni.

GALLARATE: Battilana 5, Bellotti 7, Croci 1, Fogato 1, Calzavara 14, Picotti 2, Fedrigo, Moraghi 11, Azzoni, Hidalgo 6, Ciardiello 6. All. Sassi.

ARBITRI: Rossini e Ferrari.

PARZIALI: 26-15, 37-38, 45-46.

NOTE: antisportivo Bertuzzi al 13’, Foti, Croci al 33’ e Casali al 37’. Tecnico panchina Pizzi al 19’, Gallarate al 32’ e Ciardiello al 33’, 5 falli Gerli al 37’ e Hidalgo al 40’. Spettatori 600.

MVP: Lugic-Foti.

SORESINA Cuore Pizzighettone ed è finale playoff. La Mazzoleni trionfa nella decisiva gara 3 di semifinale contro Gallarate dopo un’autentica battaglia andata in scena in un PalaStadio gremito. E ora l’atto conclusivo contro la vincente tra Gilbertina e Saronno (gara 3 è oggi alle 18 al PalaStadio). Unica nota negativa la rissa generale che scatta nel finale.

I padroni di casa partono forte con Lugic e Casali subito aggressivi, Calzavara trova la replica per la Safco ma la Mazzoleni sembra averne di più e con Casali e Pedrini tenta il primo mini allungo sul 15 a 7. Ancora una volta è la difesa l’arma in più di Pizzighettone: Pedrini e Severgnini sono decisamente efficaci in entrambe le metà campo, gli ospiti faticano a trovare facili conclusioni e così al 10’ è 26 a 15. Vantaggio meritato, dunque, per i grifoni e secondo periodo che si apre con una serie di non fischi a danno dei locali con Ciardiello ad approfittarne per ricucire lo strappo. Gallarate prova quindi a metterla in bagarre e dopo il 37 a 38 del 20’ il metronomo Foti e Lele Gerli fanno ripartire la manovra rivierasca. Ma sul parquet è sempre grande equilibrio, Calzavara e Pedrini non arretrano e nel finale la sfida continua a regalare emozioni possesso dopo possesso. In campo si vede intensità ma anche qualche evitabile colpo al limite dei giocatori Safco, arrivati all’ultimo giro di orologio Pizzi sorpassa con Lugic, Hidalgo fa 53 pari con una magia ma Foti dalla lunetta regala a Pizzi la finale.