MAZZOLENI PIZZIGHETTONE – I. BONOMI LUMEZZANE 68-71 (23-19) – (34-38) – (57-56)

PIZZIGHETTONE: Foti 7, Roberti, Pedrini 19, Parmigiani ne, Bertuzzi 7, Severgnini 5, Montanari, Casali 15, Tolasi M. ne, Lugic 15, Baldrighi ne, Tolasi E. ne. All. Giubertoni

LUMEZZANE: Fossati 4, Borghetti M. 4, Molenius 9, Borghetti L. 6, Ciaramella 12, Gandoy 15, Arici 5, Galbotti ne, Mora 8, Rinaldi 8, Caramatti ne. All. Crotti

MVP: Pedrini – Gandoy

Note: Antisportivo Fossati 34’, uscito per falli Casali 40’

Spettatori 500 circa

Nell’intervallo è stata presentata la formazione Esordienti della Pallacanestro Pizzighettone

Nel big match Pizzi si arrende con onore a Lumezzane

Al Palastadio di Soresina va in scena quella che senza dubbio è la partita più interessante ed importante della giornata, lo scontro tra la seconda in classifica, Mazzoleni Pizzighettone, priva dello squalificato Gerli e la terza della classe, la Virtus Lumezzane, da tutti indicata come principale candidata alla promozione in Serie B ma costretta a fare a meno del suo leader e bomber Caramatti.

Si parte con la contesa vinta da Rinaldi ed il primo canestro del giovane Marco Borghetti, Pedrini ed un monumentale Severgnini spingono i padroni di casa ma Gandoy sfrutta bene il mismatch contro Casali ed insacca i primi due personali; ancora Pedrini ed il gioco da tre di Rinaldi fissano la parità a quota 7 dopo tre minuti di gioco.

L’indemoniato Casali ne piazza cinque di fila ma due palle perse consecutive valgono quattro punti della Virtus che mantiene un solido +5, Luca Borghetti infila il punto numero 19 per i suoi ma qualcosa si inceppa e gli ospiti subiscono la sfuriata biancoblu, cinque di Casali, quattro di Lugic, 9-0 ed arriva la prima sirena con il tabellone che recita 23-19.

Al rientro sul parquet sussulto Lumezzane con Arici e lo scatenato capitan Mora che in due minuti restituiscono il 9-0; Mazzoleni che riceve una scossa ancora da Luca Casali, lasciato colpevolmente solo e libero di impattare di nuovo a quota 30.

La partita è una serie avvincente di break e controbreak, ancora Lumezzane prova a scappare con un 7-0 griffato Fossati-Molenius, Foti e Bertuzzi riavvicinano la Mazzoleni ed alla sirena di metà partita gli ospiti conducono 38-34.

Apertura di terzo periodo che vede il festival delle triple, Pedrini e Lugic trovano la parità a 40, Molenius, Ciaramella e Gandoy spiegano che no, non è loro intenzione mollare l’osso; sale in cattedra il grande ex, Lazar Lugic con un’entrata pazzesca che vale un gioco da tre punti ed un recupero poi finalizzato in contropiede e la partita continua a non avere un padrone.

L’intensità è altissima, Lumezzane difende forte con le mani addosso e Pizzi fatica a trovare soluzioni sensate, Pedrini scuote i suoi con cinque punti filati, Luca Borghetti e Gandoy tengono ancora avanti gli ospiti ma sulla sirena ecco la tripla di Lazar Lugic che vale il sorpasso, 57-56, ed incendia il PalaStadio.

Si riparte e, dopo qualche momento di impasse Foti risponde ad Arici, Severgnini mette una tripla provvidenziale ma poi sbaglia incredibilmente il più facile dei canestri, Bertuzzi converte l’antisportivo di Fossati e la Mazzoleni si porta a +4; Mora, Ciaramella e Gandoy schiacciano di nuovo sull’acceleratore e ribaltano il punteggio sul 65-68 quando mancano solo 35”.

Il finale si gioca sui nervi, a colpi di timeout delle due panchine e falli spesi in maniera intelligente, decide la freddezza dell’argentino Gandoy che la chiude sul 68-71; la bomba da lontanissimo di Bertuzzi permette al Pizzi di mantenere da differenza canestri a proprio favore (all’andata finì 86-81 per i rivieraschi) e conservare il secondo posto alle spalle della capolista Piadena.